06 ottobre 2014

Novità

Buongiorno! Come va? So che molti voi non hanno molto apprezzato la scelta di un blog nuovo in inglese, ma adesso non avete più scuse! Lo vedete quel tastino sulla sinistra? Si, la bandierina italiana.


Beh, se lo vedete su un post vuol dire che il testo è disponibile anche in italiano! Ovviamente le ricette nuove avranno tutte la doppia lingua, mentre quelle vecchie sono in fase di traduzione (dalle più alle meno recenti). Il sito in generale resterà in inglese, quindi anche la parte di ricerca/indice ricette, che spero comunque sia abbastanza comprensibile anche per chi non mastica molto l'inglese. Se avete bisogno di una mano scrivetemi pure!
Inoltre abbiamo aggiunto anche il tasto "subscribe" : inserite la vostra mail e riceverete una notifica ogni volta che pubblicherò un nuovo post.
Vi aspetto di ! :D

11 giugno 2014

E si riparte...

E' passato poco più di un anno dall'ultimo post e di cose ne sono cambiate un po'. Diciamo che la sospensione dal blog ha dato i suoi frutti. Uno stage in un'azienda dove sognavo di entrare, la laurea, l'iscrizione ad un nuovo corso di studi, ma soprattutto mi sono dedicata un po' alla vita, quella vera, al di là dagli schermi di un computer.
Il blog però per me è di grande importanza, mi fa bene all'anima, mi mette in contatto con persone nuove e lontane. Mi mancava. E così abbiamo dato vita ad una nuova avventura - io e lui.


Si un nuovo blog : nuovo nome, nuova grafica, nuove ricette. E si, è in inglese. Alcuni potrebbero criticare questa scelta, ma le ragioni sono varie. Innanzi tutto la possibilità di essere letta praticamente ovunque ed interagire con "colleghe" di altre nazionalità, che seguo molto più di quelle italiane. E il pubblico italiano? Premetto che in inglese non sono per niente una cima, quindi l'inglese che utilizzo è davvero base base base, piuttosto comprensibile ; se non dovesse bastare c'è sempre google che può tradurre in un istante. Secondo : non so se il mio futuro sarà qui o altrove; se dovessi un giorno trasferirmi all'estero, un blog di cucina in una lingua ormai universale mi potrebbe aiutare maggiormente nel campo lavorativo e nella socializzazione di uno in italiano. Terzo : non avendo possibilità di utilizzare la lingua anglofona nella quotidianità, scrivere in inglese è per me un ottimo esercizio per migliorare. 
Se doveste avere qualsiasi problema di comprensione ( magari in un passaggio di una ricetta o nella traduzione di un certo ingrediente ) basterà scrivermi nella sezione contact e vi risponderò a breve. 
Per quanto riguarda i commenti, se possibile, scrivete in inglese, anche maccheronico, mi sembra più corretto per i lettori non italiani. Grazie mille!

Vi aspetto allora su sweet kabocha e sulla nuova pagina Facebook!

06 giugno 2013

Priorità [prio-ri-tà] s.f. inv.

  • Diritto di precedenza che qlco. ha per la sua importanza o urgenza; il fatto di venire prima in un'ideale scala d'importanza. 


    Capitano quei periodi in cui ci sono troppe cose da fare. In realtà sono perfettamente fattibili. Se solo la smettessi di cucinare. Con la scusa di avere finalmente un commensale di tanto in tanto, perdo ancora più tempo ai fornelli. Perché mica posso servire in tavola una pasta al pomodoro no? No, ci complichiamo la vita. Stamattina mi sono alzata alle 7.30, ho fatto colazione, ho preparato un banana bread, mi sono preparata, sono andata a una ventina di chilometri di distanza per fare due compere da Naturasi, sono tornata a casa, ho messo su il pranzo al volo, ho 
    affettato con la mandolina tre tipi di verdure diverse per farne delle chips al forno (ovviamente non sono venute), ho fatto i pomodorini confit da aggiungere alla pasta e fagioli che avrei cominciato a preparare subito dopo, ho messo tutte le verdure e i borlotti in pentola, sono uscita per andare a trovare papà, sono tornata, ho acceso il fornello, ho preparato il lettone gonfiabile, ho messo un po' in ordine la camera, ho messo su la cena per dopo yoga, ho spento il fornello dei fagioli, ci ho aggiunto i pomodorini (dopo averli spellati), ho salato e pepato, ho frullato metà zuppa, ho rimesso dentro la pentola la parte frullata, sono andata in doccia, mi sono lavata i capelli, mi sono depilata le gambe col rasoio (il silk epil ci mette troppo), sono uscita, ho mangiato un po' di frutta. Una tisana e questo post. Poi mi asciugherò i capelli per bene, mi truccherò e andrò a lezione. Poi tornerò, mangerò la mia vellutata di zucchine e fiocchi di piselli (ovvero : butta in pentola delle zucchine a tocchi, acqua a metà, fiocchi di piselli e fai bollire finché le zucchine non sono morbide. Stop. Rientra a casa, scalda, frulla, mangia), due mele e poi arrivo del "commensale". E solo allora mi metterò tranquilla. Domattina il risveglio sarà lento e piacevolissimo. Dopo un'ora scenderò dal letto, preparerò due tazze, l'acqua nel bollitore, il banana bread e un coltello, un po' di frutta. E per pranzo dovrò solo scaldare la parte fagioli e cuocere la pasta. E penso che se preparassi una semplice pasta al pomodoro andrebbe bene comunque. Anzi, forse di più.




    Ho deciso di mettere in stanby il blog. E la cucina. Devo dedicarmi ad altro. Cucinare il minimo indispensabile. Ho altre priorità. Sarà durissima per me, perché la cucina è l'ultimo sprazzo di creatività che mi concedevo (dopo aver lasciato la danza). Perché mi è più facile dire un ti voglio bene tramite una teglia di biscotti che tramite la voce. 



    A più in là. Au revoir. 

04 giugno 2013

Esperimenti Dolci senza Glutine

Mi stavo quasi dimenticando di postare queste due ricette (si, due in un post solo!), ma tra una cosa e l'altra il tempo scarseggia e la mente si perde con un niente. Non mi dilungo in discorsi, un po' perché questo post sarà già abbastanza lungo di suo, un po' perché questo periodo è talmente bello che ancora fatico a credere che sia tutto vero e temo che scrivendone qui il "sogno" potrebbe svanire in una nuvola di vapore. Passiamo alle ricette ok?? :)
Per entrambe le ricette servono burro di mandorle e semi di chia. Per il burro di mandorle prendete 2 cups (500 ml) di mandorle crude (tipo queste), fatele tostare in forno a 150° per 15-25 minuti e frullatele a lungo fino ad ottenerne una crema omogenea. Perfetti sono Bimby o Vitamix ; io ho quest'ultimo e mi ritrovo un burro perfetto in un minuto.
I semi di chia sono dei semi ancora poco conosciuti in Italia, ma li ho finalmente visti anche in un negozio Naturasi di provincia. Se doveste faticare a trovarli, c'è sempre CacaoPuro!
 
 
Biscotti di Riso Integrale
Ingredienti per 25-30 biscotti :
2 tbsp di semi di chia - 22 g
4 tbsp di acqua - 60 ml
2 tbsp di sciroppo d'agave - 30 gr
100 g di fiocchi di riso
100 g di farina di riso integrale
1 tsp di lievito per dolci bio 
1/4 tsp di sale integrale
4 tbsp di olio di cocco - 45 g
4 tbsp di burro di mandorle - 60 g
75 zucchero integrale
1/8 tsp di stevia
 
Per prima cosa mescolate semi di chia. acqua e sciroppo d'agave e lasciate riposare almeno 10 minuti.
Accendete il forno a 175° C. Macinate grossolanamente i fiocchi di riso in un mixer e uniteli alla farina di riso, al lievito, al sale e alla stevia. Mescolate olio di cocco e burro di mandorle fino ad ottenere una crema. Aggiungete lo zucchero e il "gel" di semi di chia. Unite al composto così ottenuto la miscela di farina e impastate fino ad ottenere un panetto omogeneo.
Dividete l'impasto in palline delle stessa dimensione, posatele su una teglia rivestita da carta forno e appiattitele una alla volta col fondo di un bicchiere (come illustrato su mynewroots ). Infornate per 8-10 minuti e fate raffreddare.
 
Valori nutrizionali per biscotto (calcolo basato sulla divisione in 28 biscotti) : 73 kcal, 1 g proteine, 9 g carboidrati, 3 g grassi



Crostata con Marmellata di Ciliegie e Ricotta di Soia
Per questa crostata avrete bisogno di una ricotta di soia. Ottenerla è un procedimento un tantino lungo ma non complesso. Portate a bollore un litro di latte di soia (che non contenga altro che soia e acqua). A parte scaldate 50 ml d'acqua con 3 cucchiai di aceto di mele bio. Appena comincia a bollire, spegnete, versate la miscela acqua-aceto e un cucchiaino di sale integrale. Mescolate bene e lasciate riposare un ora. Scolate quindi la cagliata così ottenuta e versatela in una fuscella da ricotta (o un colino abbastanza capiente. Considerate che dovrà restarvici almeno 24 ore a scolare). Riportate a bollore il latte, scaldate a parte un cucchiaio d'acqua con un cucchiaio di succo di limone, versatelo nella pentola appena comincia a bollire e spegnete nuovamente. Lasciate riposare un'altra ora e poi scolate tutti i fiocchi di ricotta ottenuti, aggiungendoli alla cagliata raccolta precedentemente. Trasferite la fuscella in frigorifero all'interno di una tazza o di una scodella, in modo che si scoli il più possibile dal suo siero. Dopo 24-48 ore sarà pronta per l'uso. Ovviamente se non la volete usare per questa ricetta e vi interessa mangiarla in purezza, potete gustarvela sul momento, ancora morbida.

Ingredienti per uno stampo da crostata 35x10 cm :
2 tbsp di semi di chia - 22 g
4 tbsp di acqua - 60 ml
100 g di farina di grano saraceno
150 g di farina di riso integrale
1 tsp di lievito per dolci
1/4 tsp di sale integrale
30 ml di olio di semi di girasole
20 g di burro di mandorle
75 g di zucchero integrale
1 ricotta di soia
25 g di zucchero integrale

Per prima cosa mescolate semi di chia e acqua e lasciate riposare per almeno 10 minuti.
Accendete il forno a 180°.
In una ciotola mescolate farine, lievito, sale e zucchero. Unite al "gel" di semi di chia l'olio e il burro di mandorle e unite il composto ottenuto alle farine, impastando fino ad avere un panetto omogeneo. Se vi sembra troppo morbido e/o faticate a maneggiarlo potete metterlo a riposare in frigo mezzoretta. Stendete ora la frolla e mettetela nel vostro stampo. Spalmate uno strato di marmellata sul fondo. Prendete ora la ricotta, mescolatela coi 25 g di zucchero e stendetela con cura sopra la marmellata. Se vi avanza un po' di frolla potete utilizzare gli scarti per le classiche striscioline decorative.
Cuocete la crostata per 25 minuti circa.

Valori nutrizionali per porzione (dieci fette) : 231 kcal, 6,8 g proteine, 34,8 g carboidrati, 7,1 g grassi

24 maggio 2013

Chocolate Cookies

Buona festa della mamma!!! Ah, come? E' passata da un pezzo? Ops. Va beh, la mia ha dovuto attendere fino a pochi giorni fa per il suo "regalo". Avendo una figlia squattrinata (aprile è stato un mese tosto, tra assicurazione auto, regalo di compleanno mamma, viaggetto nelle Marche ospite di una mia carissima amica, quindi benzina e autostrada...) si è accontentata di farsi fare qualcosa da mangiare a richiesta. E la sua scelta è ricaduta su dei "biscottini" da pociare nel caffè. Con cioccolata possibilmente. Ed ecco qua il risultato. Io non sono una grande amante dei biscotti. Per soddisfarmi ce ne vogliono almeno cinque, e cinque biscotti così sono come una porzione abbondante di lasagne!! Però sono davvero golosi :)


Ingredienti per 16 cookies (belli cicciotti) :
1/2 cup di farina integrale - 75 g
1/2 cup di farina di riso integrale - 90 g
1 cup di fiocchi d'avena piccoli* - 114 g
1 tsp di lievito per dolci bio
1 pizzico di sale
1 pizzico di vaniglia e di cardamomo in polvere
1/3 cup di olio di cocco morbido - 60 g
1/3 cup di applesauce** - 100 g
2 tbsp di sciroppo d'agave - 30 g
1/4 cup di zucchero integrale - 35 g
1/2 cup di cioccolata fondente a tocchetti - 62 g

*usate pure i fiocchi che avete a portata di mano
**io utilizzo sempre le vaschette da 100 g di purea di mele, senza zuccheri aggiunti

Accendete il forno a 180°.
Mescolate in una ciotola le farine, i fiocchi, il sale, il lievito e le spezie.
In una scodella più piccola mescolate olio di cocco, agave, zucchero fino ad ottenere un composto soffice. Unitevi l'applesauce e mescolate nuovamente. Aggiungete il contenuto della scodella alla ciotola degli ingredienti secchi, unite la cioccolata e mescolate prima con un cucchiaio, poi con le mani.
Prelevate un po' di composto per volta (io ho usato un porzionatore per palline di gelato), formate una pallina fra le mani, appiattitela in base a quanto volete larghi e alti i vostri cookies, posateli man mano su una teglia rivestita di carta forno e cuocete per 12 minuti circa. Tirateli fuori dal forno e lasciateli raffreddare affinché l'olio di cocco si solidifichi rendendoli croccanti.

Valori nutrizionali per cookie : 137 kcal, 2 g proteine, 17 g carboidrati, 6 g grassi
Si, sono belli calorici, ma a colazione o per uno snack veloce possono andare ;)

21 maggio 2013

Banana & Cranberries Granola

Cosa c'è più bello della colazione? Soprattutto per chi come me è la prima cosa che incontra la mattina. Mi alzo dal letto, scendo le scale, vado in cucina, metto il bollitore a fiorellini sul fornello, preparo la mia ciotola (o la tiro fuori dal frigo se si tratta di overnight oats arricchito da maca e altri "dopanti"), lavo la frutta, la metto su un pezzo di carta da cucina di fianco alla ciotola, preparo la bustina di tè (sto finendo la mia scorta di tè keniota, accidenti...mamma quando torni in Kenia?? :D ), aggiungo un pizzico di stevia e verso l'acqua bollente. Se mi ricordo spremo mezzo limone in un bicchiere, lo riempio per metà di acqua bollente e per metà di acqua a temperatura ambiente e lo bevo per primo.
Mi vedo fra 10 anni a preparare la colazione per tutta la famiglia (un uomo, due pargoletti e perché no un cagnolino e un paio di gatti :P), imbandire la tavola con tante cose buone (pane fresco, marmellata, latti vegetali appena fatti, frutta fresca, granole, biscotti, plumcake, pancakes...)...ma nel frattempo mi godo le mie colazioni in solitudine, sperando che arrivi la bella stagione che mi permetta di consumarla sul balcone, insieme agli uccellini che si sfamano di semini di girasole che mettiamo a loro disposizione e al sole che sbuca sulla sinistra.

Ispirata da Green Kitchen Stories
Ingredienti per 4 cups e mezzo (1 litro e 125ml) :
2 cups di fiocchi d'avena - 200 g
3/4 cup di fiocchi di riso integrale - 95 g
1/4 cup di crusca - 15 g
1/2 cup di mandorle tritate molto grossolanamente (o tagliate al coltello) - 70 g
1/8 tsp stevia*
1 pizzico di sale integrale
3 tbsp di olio di cocco - 46 g
2 tbsp di sciroppo di riso - 50 g
2 banane mature - 190 g
1/3 cup di cranberries essiccati - 40 g

Accendete il forno a 200°. Mescolate i fiocchi, la crusca, le mandorle, il sale e la stevia. In una ciotola a parte schiacciate con una forchetta le banane con olio di cocco e sciroppo di riso. Unite la purea così ottenuta agli ingredienti secchi (utilizzate una bella scodella grande!) e mescolate con le mani impastando per bene affinché tutto sia omogeneamente umido.
Spargete il composto su una teglia rivestita da carta forno, infornate e abbassate la temperatura a 180°. Mescolate la granola ogni 5 minuti con una spatola o un cucchiaio di legno, fino a che non la sentirete un po' asciutta (tra i 20 e i 30 minuti in totale). Attenzione ai bordi, tendono a bruciarsi in fretta!
Sfornate, aggiungete i cranberries, date una leggera mescolate e lasciate raffreddare per bene. Mettetela in un vaso ermetico e conservatela in un luogo fresco e asciutto. Usatela nel latte vegetale, con lo yogurt di soia, sul gelato o dove più vi garba.

* La stevia in commercio non è tutta uguale, può essere più o meno tagliata con altri ingredienti, risultando più o meno dolcificante. Quella che utilizzo io è piuttosto concentrata!

17 maggio 2013

Brownies (Vegan, ça va sans dire)

Tante cose da dire, da raccontare, da condividere. Tutto cambia, nuovi programmi, nuove esperienze, nuove routine. Si cucina, si sperimenta, si testano ricette nuove. Molte le tengo in un cantuccio (spero di potervi spiegare presto il motivo), pubblicandone solamente le foto tramite Instagram. Questa invece ve la voglio proporre, perché nonostante il mio blog mi stia un po' sulle scatole (non mi piace la grafica, non mi piacciono le mie foto, ecc ecc), io a voi lettori sono legata e mi mancano i vostri commenti.
Allora, li volete questi brownies??? ^_^


Adattata da Milk and Honey
Ingredienti per 12 brownies :
1 cup di farina integrale (135 g)
1 cup di fiocchi d'avena, ridotti in farina (105 g)
1/2 cup di cacao (40 g)
1/2 cup di carruba (50 g)
1 tbsp di caffé d'orzo in polvere + 1/2 cup di acqua bollente (oppure 125 ml di caffè normale)
100 g di avocado ridotto in purea
1/2 cup di sciroppo di riso (140 g)
1 cup di sciroppo d'agave (300 g)
1/2 cup di latte di soia (125 ml)
1 pizzico di sale, 1 pizzico di vaniglia in polvere
1/4 tsp di bicarbonato + 1/2 tsp di aceto di mele

Accendere il forno a 180°.
Unire in una ciotola farina integrale, farina d'avena, cacao, carruba, vaniglia e sale. In un'altra ciotola mescolare la purea di avocado, lo sciroppo di riso, quello d'agave e il latte di soia. In una tazza sciogliere l'orzo con l'acqua e lasciar riposare il "caffè" così ottenuto.
Quando il forno avrà raggiunto la temperatura, versare nel caffè il bicarbonato e l'aceto e unire tutti gli ingredienti in un'unica ciotola. Mescolare per rendere il tutto omogeneo (senza troppo insistere), versare l'impasto in una teglia (la mia era 20x24 cm) e cuocere per circa 30 minuti. Lasciar raffreddare per bene prima di tagliare i brownies.

Valori nutrizionali per brownie : 235 kcal, 8 g proteine, 45 g carboidrati, 3 g grassi
I miei brownies hanno una misura di 6x6.6 cm (si, uso il metro per tagliarli....Perfezionista? Chi? Io?? Nooooo ), quindi non sono proprio piccini, volendo potete tagliarli più piccoli e ricavarne più porzioni.