06 giugno 2013

Priorità [prio-ri-tà] s.f. inv.

  • Diritto di precedenza che qlco. ha per la sua importanza o urgenza; il fatto di venire prima in un'ideale scala d'importanza. 


    Capitano quei periodi in cui ci sono troppe cose da fare. In realtà sono perfettamente fattibili. Se solo la smettessi di cucinare. Con la scusa di avere finalmente un commensale di tanto in tanto, perdo ancora più tempo ai fornelli. Perché mica posso servire in tavola una pasta al pomodoro no? No, ci complichiamo la vita. Stamattina mi sono alzata alle 7.30, ho fatto colazione, ho preparato un banana bread, mi sono preparata, sono andata a una ventina di chilometri di distanza per fare due compere da Naturasi, sono tornata a casa, ho messo su il pranzo al volo, ho 
    affettato con la mandolina tre tipi di verdure diverse per farne delle chips al forno (ovviamente non sono venute), ho fatto i pomodorini confit da aggiungere alla pasta e fagioli che avrei cominciato a preparare subito dopo, ho messo tutte le verdure e i borlotti in pentola, sono uscita per andare a trovare papà, sono tornata, ho acceso il fornello, ho preparato il lettone gonfiabile, ho messo un po' in ordine la camera, ho messo su la cena per dopo yoga, ho spento il fornello dei fagioli, ci ho aggiunto i pomodorini (dopo averli spellati), ho salato e pepato, ho frullato metà zuppa, ho rimesso dentro la pentola la parte frullata, sono andata in doccia, mi sono lavata i capelli, mi sono depilata le gambe col rasoio (il silk epil ci mette troppo), sono uscita, ho mangiato un po' di frutta. Una tisana e questo post. Poi mi asciugherò i capelli per bene, mi truccherò e andrò a lezione. Poi tornerò, mangerò la mia vellutata di zucchine e fiocchi di piselli (ovvero : butta in pentola delle zucchine a tocchi, acqua a metà, fiocchi di piselli e fai bollire finché le zucchine non sono morbide. Stop. Rientra a casa, scalda, frulla, mangia), due mele e poi arrivo del "commensale". E solo allora mi metterò tranquilla. Domattina il risveglio sarà lento e piacevolissimo. Dopo un'ora scenderò dal letto, preparerò due tazze, l'acqua nel bollitore, il banana bread e un coltello, un po' di frutta. E per pranzo dovrò solo scaldare la parte fagioli e cuocere la pasta. E penso che se preparassi una semplice pasta al pomodoro andrebbe bene comunque. Anzi, forse di più.




    Ho deciso di mettere in stanby il blog. E la cucina. Devo dedicarmi ad altro. Cucinare il minimo indispensabile. Ho altre priorità. Sarà durissima per me, perché la cucina è l'ultimo sprazzo di creatività che mi concedevo (dopo aver lasciato la danza). Perché mi è più facile dire un ti voglio bene tramite una teglia di biscotti che tramite la voce. 



    A più in là. Au revoir. 

9 commenti:

  1. Noi ti aspettiamo, ma hai ragione, la vita è quella là fuori. <3

    P.S. Lunga vita alla pasta al pomodoro!!!

    RispondiElimina
  2. Che ti devo dire, io sono praticamente uguale, (vedo che anche tu pianifichi ogni singolo momento della giornata!)gambe depilate col rasoio e yoga escluso. Non ho altre priorità oltre lo studio, ma non lo posso chiamare così perchè passa sempre e comunque in secondo piano.
    Prenditi il tuo tempo e goditi i momenti di calma, anche se penso che, sebbene tu possa senz'altro prenderti la pausa dal blog, sarà difficile che tu riesca a stare senza cucinare :) a me molto spesso il pensiero della cucina ottenebra la mente, e finisco per non concludere niente comunque :\
    a presto, un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Prenditi il tuo tempo e vivi!!
    Certo, non nascondo che mi dispiacerà non vederti in questo tuo spazio, ma penso che non smetterai di cucinare, magari ridimensionerai la cosa, ma ormai fa parte di te stessa ed è un modo di prenderti cura di chi ami ;)
    Un abbraccio, sono contenta di rimanere in contatto con te tramite FB

    RispondiElimina
  4. Ciao Valentina, bel post, mi hai fatto sorridere e pensare, anch'io ultimamente sono presissima da mille impegni e non riesco proprio a cucinare :( Se dai un'occhiata al mio blog vedrai che a maggio ho pubblicato solo 3 post e ti giuro che sono state le uniche volte che ho cucinato ... sob :( Stare in cucina e sbizzarrirmi con i vari ingredienti mi sta mancando tanto, troppo, e come scrivi tu, era l'unica cosa creativa che a causa della scarsità di tempo potevo concedermi ... non vedo l'ora di tortare ad essere più libera perché per io credo che tutti dovremmo fare una cosa creativa al giorno :)
    Un abbraccio,
    Valentina
    ps: non mettere in stand-by il blog, anche se non scriverai spesso, tienilo attivo, ti farà bene anche solo scrivere un pensiero che ti verrà in mente magari mentre preparerai una pasta al pomodoro! ;)

    RispondiElimina
  5. E noi staremo qui ad aspettarti ;)

    RispondiElimina
  6. Ma da quant'è che non mi faccio una pasta al pomodoro? Il tuo post mi ha fatto riflettere parecchio.
    Anche io cmq sarò qui ad aspettarti.

    RispondiElimina
  7. come faccio io laggiù (o meglio: là-di fianco) senza i miei nipoti, senza le mie migliori amiche, senza facebook e pure senza la mia foodblogger preferita??? aiuuutoooo!

    RispondiElimina
  8. a presto....allora ....a volte il tempo fa così sorprende e ci tocca prendere pause...decantare...e poi ci facciamo distrarre da noi stesse...e mentre una parte di noi dovrebbe fare cose l'altra sta di là a cucinare...ma poi ci si ritrova ...a presto

    RispondiElimina
  9. Ciao Vale...ero giusto felice che tornavi a postare...a presto!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.